Alleanza dell'eroina: così due bande controllavano i boschi della droga da Rogoredo al Milanese

Quindici arresti e due obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria: sono le misure emesse a seguito di un'indagine della Polizia di Stato nei confronti di un gruppo criminale composto da cittadini albanesi e marocchini, ritenuti i presunti responsabili di un giro di spaccio di stupefacenti che avrebbe coinvolto anche il 'Bosco della droga' di Rogoredo, a Milano. Le indagini "hanno permesso di accertare l'esistenza di una vera e propria associazione per delinquere con struttura verticistica, dedita al traffico di ingenti quantitativi di eroina, ma anche cocaina e hashish, proveniente dall'estero per l'immissione nel mercato illecito". Gli albanesi, secondo le accuse, si sarebbero occupati di approvvigionamento e logistica, preparando le dosi in un appartamento in viale Umbria, a Milano, "mentre i cittadini magrebini acquistavano droga da questi in ingenti quantitativi per poi tagliarla e immetterla nelle piazze di spaccio boschive che gestivano tra le quali il bosco di Rogoredo, dove veniva venduta al dettaglio".

Gli altri video di Cronaca