Manifestazione No Pass a Padova: controlli, storie e qualche imbarazzo

Pochi, sempre meno. Alla manifestazione di giovedì 18 per il reintegro del personale sanitario sospeso non sono stati più di una cinquantina a presentarsi alle 11 al civico 22 di Via Ospedale Civile per poi spostarsi sul sagrato all’ombra del Santo. Ma i “numeri” si sono visti lo stesso. Dalla no mask (il cui viso, con o senza mascherina, è annoverabile tra quelli dei fedelissimi delle manifestazioni no Green Pass) che minacciava di denunciare poliziotti e giornalisti inveendo contro l’ordinanza del sindaco Sergio Giordani, all’infermiera contraria alla vaccinazione. Tra i presenti anche Maria Grazia Morra del Cub e, con un ritardo di quasi un’ora, anche il leader Fazzini.Per il resto la protesta, svoltasi in forma statica, non ha offerto grandi novità nei contenuti. Una delegazione di quattro persone è salita verso mezzogiorno nell’ufficio della dirigente medico del dipartimento di prevenzione, Lorena Gottardello. (Giulia Tasca, riprese agenzia Bianchi)

Gli altri video di Coronavirus in Veneto