De Zerbi riceve il premio Bearzot: "In 24 ore tutto cambiato, guardare l'Ucraina da qui non è facile"

"Il mercoledì mattina avevamo fatto un bellissimo allenamento con la squadra, il giovedì mattina eravamo barricati in hotel. In meno di 24 ore si è capovolto il mondo", è la testimonianza di Roberto De Zerbi, allenatore dello Shakhtar Donetsk, che ha ricevuto il premio Enzo Bearzot, promosso dalla US Acli. Il tecnico italiano era in Ucraina al momento dello scoppio del conflitto ed è rimasto al fianco dei suoi calciatori fino all'ultimo. Rientrato in Italia, ora è in attesa di conoscere il suo futuro: "Non sappiamo se, quando e dove si riprenderà a giocare - spiega - Non è facile stare a casa, vedere cosa sta succedendo in un Paese in cui hai vissuto. Vedere la squadra sfasciata, con tanti giovani che stavano crescendo, per colpa di altri".

di Luca Pellegrini

SEGUI GLI AGGIORNAMENTI DALL'UCRAINA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Gli altri video di Guerra Russia Ucraina