Corea del Nord, Kim Jong-un vieta jeans attillati e film stranieri: "La punizione è la morte"

Il leader della Corea del Nord, Kim Jong-un, ha lanciato una guerra a tutto campo ai jeans attillati, ai tagli di capelli "non convenzionali" e ai film stranieri, soprattutto le temutissime soap opera sudcoreane. Lo strumento è una legge varata lo scorso maggio per neutralizzare le minacce del "pensiero reazionario" che include sanzioni drastiche: pena di morte o i campi di lavoro e di rieducazione.
 
A cura di Eleonora Giovinazzo

Gli altri video di Mondo