Draghi: "Armi e sanzioni per permettere all'Ucraina di difendersi. Crisi alimentare colpa della Russia"

"C'è una fondamentale differenza fra due punti di vista. Uno è quello mio, l'Ucraina si deve difendere, e le sanzioni, l'invio di armi, servono a questo. L'altro punto di vista è diverso: l'Ucraina non si deve difendere, non dobbiamo mandare sanzioni e armi, perché la Russia è troppo forte, lasciamo che l'Ucraina si sottometta, ma cosa vogliono questi...". Così il presidente del Consiglio Mario Draghi, replicando in aula alla Camera dei Deputati dopo le comunicazioni. "La tragedia umanitaria derivante dalla crisi alimentare non è colpa delle sanzioni o dell'Europa - ha aggiunto - Ma della Russia che ha dichiarato guerra all'Ucraina".

 A cura di Luca Pellegrini

Gli altri video di Politica